Lunedì 25 Settembre 2017
Text Size

Diritto24 - Il Sole 24 ORE - Homepage

  • La mediazione va a regime e arruola i legali
    Dall'analisi della lite alla scelta dell'organismo di conciliazione, fino alla sottoscrizione dell'accordo, gli avvocati hanno un ruolo chiave nelle procedure di mediazione delle liti civili e commerciali. Una posizione rafforzata ora che la conciliazione obbligatoria come condizione di procedibilità in giudizio per una serie di liti è stata stabilizzata dalla manovrina (articolo 11-ter, decreto legge 50/2017), evitando quindi la scadenza del 21 settembre prossimo del quadriennio di test. In questi...
  • Falcidiabilità dei debiti amministrati dalle Agenzie fiscali come alternativa al fallimento
    I CASI PRATICI - PLUS PLUS 24 DIRITTO LE QUESTIONI RISOLTE DI VENTIQUATTRORE AVVOCATO LA QUESTIONE Gli imprenditori commerciali che rischiano il totale dissesto, possono proporre all'Agenzia delle Entrate un accordo per il pagamento parziale o dilazionato dei debiti erariali? A quali condizioni ed entro quali limiti il Fisco è disposto a rinunciare al proprio credito? Le origini della transazione fiscal e e la ratio dell'art. 182 ter della Legge FallimentareAtteggiandosi ad operazione...
  • Appalti, no alla sostituzione dell'impresa
    Le norme del vecchio Codice appalti (decreto legislativo 163/2006), per i casi nei quali continuano a sopravvivere, vietano la sostituzione dell'impresa ausiliaria che abbia perso i requisiti e impongono l'esclusione automatica dalla gara del suo consorzio. Il principio è stato affermato dalla Corte di Giustizia dell'Unione europea con la sentenza nella causa C-223/16, pronunciata ieri. Non sarà, allora, applicabile a ipotesi che ricadono nel perimetro del vecchio Codice quanto stabilisce il nuovo...
  • Assenza dal posto di lavoro per infortunio o malattia: l'efficacia probatoria del certificato medico
    Commento a cura dell'avv. Antonio Cazzella, Studio Legale Trifirò & Partners Con la sentenza n. 19089 del 1° agosto 2017 , la Corte di Cassazione ha esaminato una fattispecie di licenziamento disciplinare comminato ad un dipendente, assente dal posto di lavoro a seguito di un grave infortunio in itinere. Attraverso le indagini di un'agenzia investigativa, era emerso che egli aveva svolto attività incompatibili con il suo stato salute e, comunque, suscettibili di pregiudicarne la guarigione. Il...
  • Legnini (Csm), prossimo Plenum sicurezza magistrati
    Il Vice Presidente del Csm Giovanni Legnini dopo aver telefonato al Presidente (facente funzioni) del Tribunale di Perugia, dottor Gaetano Mautone, per accertarsi delle condizioni di salute dei due magistrati e dell'ausiliario accoltellati a cui ha voluto esprimere “la sua forte solidarietà, augurando loro una pronta guarigione”, ha sottolineato che “si tratta di un gravissimo episodio che ripropone il tema della sicurezza negli uffici giudiziari italiani, che va affrontato con ulteriori misure...
  • Professionisti obbligati al preventivo in forma scritta o digitale
    Commento a cura di Angelo Paletta, docente di management Varati nuovi obblighi formali in materia di concorrenza e trasparenza delle informazioni che devono ottemperare tutti i professionisti iscritti ad ordini e collegi professionali. Le novità normative in vigore dal 29 agosto si trovano nella Gazzetta Ufficiale n. 189 dello scorso 14 agosto, dove è stata pubblicata la Legge 4 agosto 2017, n. 124, relativa alla "Legge annuale per il mercato e la concorrenza". All'articolo 1, comma 152, del...
  • Il "lavoro agile" o "Smart Working", la nuova modalità di svolgimento del lavoro subordinato
    Commento a cura dell'avv. Giovanni Bonomo – AssistenzaLegalePremium.it Il sogno di non essere costretti in angusti spazi per lavori che vengono considerati tradizionalmente sedentari finalmente si realizza. Anche il legislatore italiano disciplina lo smart working. Con l'entrata in vigore della nuovo disegno di legge approvato dal Senato lo scorso 10 maggio 2017, viene approvato la disciplina del lavoro agile , detto anche smart working. Viene chiarito dallo stesso testo normativo che...
  • Contratti derivati, transazione nulla se generica
    Il Tribunale di Verona, sentenza 2027/2017, ha ritenuto nulli per mancata identificazione della res dubia gli accordi transattivi sottoscritti da una società cliente ed una banca per la definizione del contenzioso relativo a 15 contratti di Interest rate swap stipulati nell'arco di 6 anni per importi che complessivamente avevano superato gli 800mila euro
  • Suicidio del paziente, psichiatra a rischio omicidio colposo
    Risponde di omicidio colposo lo psichiatra che rimanda a casa, dove a distanza di qualche ora si suicida buttandosi dal balcone, il paziente psichiatrico condotto in ambulatorio da un parente a fronte dell'assunzione di una quantità eccessiva del farmaco prescritto. Una condotta definibile «auto lesiva», in relazione alla quale la Società italiana di psichiatria consiglia l'adozione quantomeno di un'Aso (accertamento sanitario obbligatorio). Lo ha stabilito la Corte di cassazione, con la sentenza...
  • Professionisti, niente parcella per il ricorso volto a ridurre il danno cagionato
    Non ha diritto alla parcella il commercialista che dopo aver sbagliato la dichiarazione – perché non si è attenuto alle indicazioni di una circolare ministeriale - assuma le difese della società nel processo tributario promosso per cercare di ridurre il danno conseguente al versamento non dovuto. Lo ha stabilito Tribunale di Vicenza, sentenza 9 maggio 2017 n. 1643, accogliendo il ricorso di una Srl contro la decisione del giudice di pace che invece aveva confermato il decreto ingiuntivo per circa...
  • Cds: esame avvocato, sì al solo voto numerico per bocciare il candidato
    Fino all'entrata in vigore della riforma dell'esame di abilitazione alla professione di avvocato, i provvedimenti della Commissione esaminatrice che rilevano l'inidoneità delle prove scritte e non li ammettono all'esame orale, «vanno di per sé considerati adeguatamente motivati anche quando si fondano su voti numerici, attribuiti in base ai criteri da essa predeterminati, senza necessità di ulteriori spiegazioni e chiarimenti, valendo comunque il voto a garantire la trasparenza della valutazione»....
  • Figlio maggiorenne, il genitore convivente ha diritto al “rimborso spese”
    Il genitore convivente con un figlio maggiorenne non ancora in grado di provvedere a se stesso ha diritto di richiedere il rimborso di quanto sostenuto per il suo mantenimento all'altro genitore. E in assenza di una azione diretta da parte del figlio, oppure in caso di sua rinuncia, agisce iure proprio. Lo ha stabilito il Tribunale di Aosta, con la sentenza del 6 giugno 2017 n. 200, accogliendo la domanda della madre che aveva chiesto all'ex compagno il pagamento di poco più di 4mila euro per un...
  • La nuova disciplina sui controlli dei lavoratori: tra incertezze applicative e interessanti prospettive future
    Commento a cura dell'avv. Francesco Baldi – Partner di Legal Grounds La disciplina dei controlli a distanza genera spesso incertezze di natura interpretativa a causa della difficile ricerca di un punto di equilibrio tra l'interesse datoriale al corretto adempimento della prestazione lavorativa (nonché alla salvaguardia dei propri beni), ed il diritto del lavoratore di tutelare la propria privacy, e ciò in un mondo del lavoro in rapida trasformazione, anche per ciò che riguarda l'utilizzo delle...
  • Il Tribunale di Brescia sulla predivulgazione dell'invenzione brevettata
    Commento a cura dell' avv. Elena Martini, Martini Manna Avvocati La recente sentenza n. 1887/2017 del Tribunale di Brescia – Sezione Specializzata in Materia di Impresa ha affrontato il tema della predivulgazione dell'invenzione brevettata idonea a rendere nullo il brevetto per mancanza di novità. L'istituto è regolato dall'art. 46 CPI in base al quale un'invenzione è nuova solo se non è compresa nello stato della tecnica, ovvero in "tutto ciò che è stato reso accessibile al pubblico nel territorio...
  • Il contratto di investimento e la sottoscrizione (anche) della banca
    Commento a cura dell' Avv. Valentino De Castello, studio legale De Castello & Associati & Partners Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione stabiliscono che il contratto di investimento, ex art. 23 TUF, deve essere firmato, per la sua validità, anche dall'intermediario finanziario oltre che dal cliente. Con ordinanza n. 10447 del 27.04.17 la Prima Sezione della Corte di Cassazione ha rimesso al Primo Presidente, per la possibile assegnazione alle Sezioni Unite, la questione se, a norma...

Feed RSS

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e cookie di terzi

Cliccando sul tasto APPROVO, chiudendo questa finestra oppure accedendo ad un qualunque elemento sottostante a questo banner acconsenti all’utilizzo dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo